20/6/2019 – Esonero dalla trasmissione telematica dei corrispettivi per le vendite on line

SeacInfo Fiscale
Esonero dalla trasmissione telematica dei corrispettivi per le vendite on line
Con Risposta 19 giugno 2019, n. 198, l’Agenza delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla trasmissione telematica dei corrispettivi per le c.d. ‘vendite on line’.L’Agenzia ha precisato che se l’operazione di vendita si configura come commercio elettronico indiretto (in quanto la transazione commerciale avviene on line) la stessa è assimilabile alle vendite per corrispondenza, pertanto si applicano le disposizioni di cui all’art. 2, lettera oo), D.P.R. n. 696/1996, che esonera l’operazione da qualunque obbligo di certificazione, salvo l’obbligo di emissione della fattura se richiesta dal cliente.Ne consegue che i corrispettivi derivanti dal commercio elettronico non sono soggetti all’obbligo di invio telematico mentre devono essere annotati nel registro dei corrispettivi, ovvero nel registro delle fatture emesse qualora venga richiesta dal cliente la fattura.

20/6/2019 – Criteri per individuare gli elementi di incoerenza dei Modd. 730/2019: Provvedimento

SeacInfo Fiscale
Criteri per individuare gli elementi di incoerenza dei Modd. 730/2019: Provvedimento
Con Provvedimento 19 giugno 2019, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito ai criteri per l’individuazione degli elementi di incoerenza delle dichiarazioni Modd. 730/2019 con esito a rimborso e delle modalità di cooperazione finalizzate ai controlli preventivi.In particolare, l’Agenzia ha stabilito che i controlli preventivi scattano quando nel Mod. 730/2019 con esito a rimborso:si rilevano scostamenti per importi significativi dei dati risultanti nei modelli di versamento, nelle CU e nelle dichiarazioni dell’anno precedente;si rilevano altri elementi di significativa incoerenza rispetto ai dati inviati da enti esterni o a quelli esposti nelle CU; si è in presenza di situazioni di rischio, individuate in base alle irregolarità verificatesi negli anni precedenti.

20/6/2019 – Legittimo il recesso datoriale se la richiesta di audizione orale non è formulata in termini univoci

SeacInfo Amministrazione del personale
Legittimo il recesso datoriale se la richiesta di audizione orale non è formulata in termini univoci
In tema di licenziamento, la Corte di Cassazione ha statuito la legittimità del provvedimento espulsivo nei confronti del dipendente di una banca, accusato di aver compiuto erroneamente operazioni finanziarie a cui era preposto, in quanto non ha espresso in termini univoci la domanda di essere sentito per esporre le proprie giustificazioni.Con la Sentenza n. 16421 del 19 giugno 2019, respingendo il ricorso del lavoratore, la Suprema Corte ha affermato che, in tema di sanzioni disciplinari, non è necessario che la contestazione dell’addebito preveda la determinazione di un’audizione o di un termine entro il quale il lavoratore possa fornire le proprie difese. I giudici hanno poi precisato che il termine per la presentazione delle controdeduzioni del lavoratore è previsto dalla legge.

19/6/2019 – Quando gli operatori dei call center e delle vendite internet sono lavoratori subordinati

SeacInfo Amministrazione del personale
Quando gli operatori dei call center e delle vendite internet sono lavoratori subordinati
La Corte di Cassazione, con l’Ordinanza n. 16037 del 14 giugno 2019, ha ritenuto che gli operatori di un call center non fossero dei collaboratori autonomi dell’impresa, ma dei lavoratori subordinati.Secondo i giudici gli indici della subordinazione sarebbero la genericità dell’oggetto della collaborazione, il corrispettivo determinato in misura fissa, i controlli sullo svolgimento del lavoro e il fatto che i lavoratori svolgessero la propria attività presso la sede aziendale.

19/6/2019 – Datore sanzionato se non riesce a stampare la contabilità

SeacInfo Amministrazione del personale
Datore sanzionato se non riesce a stampare la contabilità
La Corte di Cassazione, con l’Ordinanza n. 16253 del 18 giugno 2019, ha stabilito che l’incapacità di stampare i registri contabili e gli altri documenti inerenti all’attività di impresa rappresenti una violazione dell’art. 7 comma 4-ter del DL n. 357/1994.Per essere considerate equivalenti le registrazioni meccanografiche e quelle cartacee è necessario che, al momento dell’ispezione, il datore di lavoro stampi i documenti custoditi nel server.

19/6/2019 – Perdite su crediti: chiarimenti delle Entrate

SeacInfo Fiscale
Perdite su crediti: chiarimenti delle Entrate
Con Risposta 19 giugno 2019, n. 197 l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla disciplina dalla deducibilità delle perdite su crediti di cui all’articolo 101, TUIR nel caso in cui l’istante non abbia attuato atti interruttivi delle prescrizione nei confronti delle società debitrici.In merito l’Amministrazione finanziaria ha precisato che il comportamento di inattività dell’istante nella riscossione dei crediti scaduti corrisponde a una volontà liberale dello stesso, tale da comportare l’indeducibilità ai sensi dell’articolo 101, comma 5, TUIR.

19/6/2019 – In arrivo la proroga dei versamenti e dei termini di presentazione delle dichiarazioni

SeacInfo Fiscale
In arrivo la proroga dei versamenti e dei termini di presentazione delle dichiarazioni
È attualmente in corso di conversione in Legge il D.L. n. 34/2019, cd. ‘Decreto Crescita’. Tra gli emendamenti approvati, si segnala la proroga al:30 settembre 2019 del termine di versamento delle imposte risultanti dai modelli REDDITI/IRAP/IVA 2019 a favore dei soggetti tenuti all’applicazione dei nuovi ISA;30 novembre 2019 del termine di presentazione (telematica) del mod. REDDITI / IRAP. Per il 2019, considerato che il 30 novembre cade di sabato, l’invio va effettuato entro il 2 dicembre 2019.

18/6/2019 – Fondo di solidarietà per il settore del trasporto aereo e prestazioni integrative: circolare INPS

SeacInfo Amministrazione del personale
Fondo di solidarietà per il settore del trasporto aereo e prestazioni integrative: circolare INPS
L’INPS, con la Circolare n. 89 del 17 giugno 2019, interviene per fornire chiarimenti riguardo la disciplina e le modalità di accesso alle prestazioni integrative delle indennità ASpI/NASpI garantite dal Fondo di solidarietà per il settore del trasporto aereo.

18/6/2019 – Le dimissioni entro l’anno del bambino garantiscono sempre l’indennità di preavviso

SeacInfo Amministrazione del personale
Le dimissioni entro l’anno del bambino garantiscono sempre l’indennità di preavviso
La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 16176 del 17 giugno 2019, ha ricordato che la lavoratrice madre che si dimette entro l’anno di vita del bambino, ovvero entro un anno dall’adozione o affidamento del figlio, ha sempre diritto all’indennità sostitutiva del preavviso.Tale principio non viene meno, chiariscono i giudici della Corte Suprema, nemmeno qualora la lavoratrice cerca un altro impiego, in virtù della valutazione della maggior o minor vantaggiosità del nuovo impiego: la norma prevede un trattamento di favore per la lavoratrice madre (o lavoratore padre) e il pagamento dell’indennità è basato su un principio solidaristico e finalizzato alla tutela della maternità.

18/6/2019 – Modalità di compilazione quadro RR, Mod. REDDITI 2019: Circolare INPS

SeacInfo Fiscale
Modalità di compilazione quadro RR, Mod. REDDITI 2019: Circolare INPS
Con Circolare 17 giugno 2019, n. 90, l’INPS ha fornito gli annuali chiarimenti per la compilazione del quadro RR, Mod. REDDITI 2019 PF e per la riscossione dei contributi dovuti a saldo per il 2018 e in acconto per il 2019 per gli artigiani e i commercianti iscritti all’IVS e per i soggetti tenuti alla contribuzione alla Gestione Separata INPS.Si ricorda che tutte le somme a credito, utilizzate in compensazione entro la data di presentazione della dichiarazione del modello Redditi 2019 tramite modello F24 con anno di riferimento 2017, devono essere riportate esclusivamente nelle colonne 21 o 35 del Quadro RR del modello Redditi 2019. L’eventuale residuo del credito riferito all’anno precedente al netto di quanto compensato va indicato nel rigo RR, colonne 22 e 36, e dovrà essere oggetto di domanda di rimborso oppure di compensazione contributiva (autoconguaglio).