2/3/2018 – Ravvedimento operoso e dichiarazione fraudolenta: Sentenza

SeacInfo Fiscale
Ravvedimento operoso e dichiarazione fraudolenta: Sentenza
Con Sentenza 6 febbraio 2018, n. 5448, la Corte di Cassazione ha sancito che il ricorso al ravvedimento operoso per ‘sanare’ spontaneamente il reato di dichiarazione fraudolenta (articolo 2, D.Lgs. n. 74/2000) con fatture inesistenti permette al contribuente di accedere al “patteggiamento” fruendo degli sconti di pena. La Corte precisa inoltre che l’art. 13-bis, D.Lgs. n. 74/2000 relativo alle condizioni di accesso al patteggiamento, trattandosi di una disposizione processuale, opera indistintamente in relazione a tutti i processi in corso senza che abbia rilievo la data in cui è stato commesso il reato.

1/3/2018 – Imu: esenti i terreni agricoli di IAP e CD anche se titolari di trattamento pensionistico agricolo

SeacInfo Fiscale
Imu: esenti i terreni agricoli di IAP e CD anche se titolari di trattamento pensionistico agricolo
Con Risoluzione 28 febbraio 2018, n. 1, il Dipartimento delle Finanze del MEF ha fornito chiarimenti in merito alla corretta applicazione della disciplina agevolativa relativa all’imposta municipale propria (IMU) nei confronti di coltivatori diretti (CD) e di imprenditori agricoli professionali (IAP), iscritti nella previdenza agricola e titolari di trattamento pensionistico agricolo.In particolare, il documento di prassi ha precisato che:ai sensi dell’art. 1, comma 13, Legge, n. 208/2015, sono esenti da IMU tutti i terreni agricoli, posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali, iscritti nella previdenza agricola, anche se già pensionati, indipendentemente dall’ubicazione dei terreni stessi;sono considerati non fabbricabili i terreni posseduti e condotti dagli stessi soggetti, sui quali persiste l’utilizzazione agro-silvo-pastorale mediante l’esercizio di attività dirette alla coltivazione del fondo, alla silvicoltura, alla funghicoltura e all’allevamento di animali (art. 13, comma 2, D.L. n. 201/2011).

1/3/2018 – INPS: prorogato al 2019 il passaggio dal DMAG all’Uniemens

SeacInfo Amministrazione del personale
INPS: prorogato al 2019 il passaggio dal DMAG all’Uniemens
A seguito di quanto disposto dalla Legge di Bilancio 2018, l’INPS, con il Messaggio n. 892 del 27 febbraio 2018, interviene per recepire la proroga al 1° gennaio 2019 del termine per il passaggio dal sistema DMAG al sistema Uniemens, inizialmente previsto con decorrenza gennaio 2018.

28/2/2018 – Congedo obbligatorio e facoltativo dei padri: indicazioni INPS

SeacInfo Amministrazione del personale
Congedo obbligatorio e facoltativo dei padri: indicazioni INPS
L’INPS, con il Messaggio n. 894 del 27 febbraio 2018, fornisce ai padri lavoratori le istruzioni per usufruire del congedo obbligatorio e facoltativo in relazione alle nascite/adozioni/affidamenti avvenute nel 2017 e 2018.In particolare, l’INPS precisa che per l’anno 2018 i padri lavoratori dipendenti hanno diritto:ad un congedo obbligatorio della durata di 4 giorni, che possono essere goduti anche in maniera non continuativa, entro i cinque mesi dalla nascita del figlio;ad un congedo facoltativo della durata di 1 giorno, da fruire in accordo con la madre e in sostituzione di una corrispondente giornata di astensione obbligatoria spettante a quest’ultima.Per quanto riguarda le modalità di presentazione della domanda e di compilazione dell’Uniemens, l’INPS conferma le disposizioni già in uso negli scorsi anni.

28/2/2018 – Assorbimento dell’assegno ad personam possibilità a seguito della fusione

SeacInfo Amministrazione del personale
Assorbimento dell’assegno ad personam possibilità a seguito della fusione
Secondo la Corte di Cassazione è da considerarsi legittimo l’assorbimento dell’assegno ad personam riconosciuto ad un lavoratore, a seguito della fusione per incorporazione dell’istituto di credito in cui prestava la propria attività in un’altra banca, che garantisce un trattamento economico complessivamente più favorevole rispetto all’istituto incorporato.La Suprema Corte, con la Sentenza n. 4533 del 27 febbraio 2018, ha ribadito la generale soggezione ad assorbimento dei superminimi nell’ipotesi di aumenti retributivi derivanti da fonti collettive, a meno che la remunerazione aggiuntiva sia riconosciuta in ragione di una singolare valutazione delle speciali condizioni personali del lavoratore, cui spetta il relativo onere della prova.

28/2/2018 – Eventi sismici 2016 e 2017: istruzioni per il versamento dei contributi sospesi

SeacInfo Amministrazione del personale
Eventi sismici 2016 e 2017: istruzioni per il versamento dei contributi sospesi
L’INPS, con il Messaggio n. 895 del 27 febbraio 2018, interviene in merito agli eventi sismici verificatisi nei territori delle Regioni Lazio, Marche, Umbria, Abruzzo in data 24 agosto 2016, 26 e 30 ottobre 2016 e 18 gennaio 2017. In particolare, l’Istituto:ricorda che la ripresa degli adempimenti e dei versamenti sospesi, precedentemente fissata al 30 ottobre 2017, è stata prorogata alla data del 31 maggio 2018 senza applicazione di sanzioni e interessi;fornisce le istruzioni operative, riferite alle diverse gestioni previdenziali, per il versamento in unica soluzione della contribuzione sospesa, rimandando ad un successivo messaggio le indicazioni per il versamento della contribuzione sospesa mediante rateazione a decorrere dal mese di maggio 2018.

28/2/2018 – Disapplicazione delle sanzioni per invio tardivo degli adempimenti fiscali di fine mese: Comunicato

SeacInfo Fiscale
Disapplicazione delle sanzioni per invio tardivo degli adempimenti fiscali di fine mese: Comunicato
Con Comunicato 27 febbraio 2018, l’Agenzia delle Entrate ha annunciato che, a causa dei recenti eventi metereologici eccezionali, verrà valutata la disapplicazione delle sanzioni previste per i ritardi nell’effettuazione degli adempimenti fiscali di questi giorni.Si precisa, tuttavia, che non è stato specificato né quali sono le zone, né per quali adempimenti sarà possibile beneficiare della disapplicazione delle sanzioni.

28/2/2018 – Proroga delle comunicazioni dei dati da inserire nella precompilata: Provvedimento

SeacInfo Fiscale
Proroga delle comunicazioni dei dati da inserire nella precompilata: Provvedimento
Con Provvedimento 27 febbraio 2018, l’Agenzia delle Entrate ha prorogato al 9 marzo 2018 il termine per la comunicazione delle informazioni che andranno inserite nella precompilata 2018.Tale proroga riguarda, pertanto, la trasmissione telematica dei seguenti dati:spese relative alle rette per la frequenza degli asili nido, relativamente alle spese sostenute nel 2017, ed ai relativi rimborsi;opposizione a rendere disponibili all’Agenzia delle Entrate i dati riguardanti le spese relative alle rette per la frequenza degli asili nido;spese sostenute nel 2017 per interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica effettuati su parti comuni di edifici residenziali;spese sanitarie rimborsate, esclusivamente con riferimento ai rimborsi erogati nel 2017.

28/2/2018 – Datore di lavoro evita risarcimento anche se rifiuta senza titolo l’assunzione del lavoratore

SeacInfo Amministrazione del personale
Datore di lavoro evita risarcimento anche se rifiuta senza titolo l’assunzione del lavoratore
Con la Sentenza n. 4543 del 27 febbraio 2018 la Corte di Cassazione ha stabilito che, nel caso di rifiuto illegittimo da parte del datore di lavoro di assumere un lavoratore, risulta sempre necessario provare l’esistenza di un pregiudizio economico per determinare il ristoro.Si legge nella sentenza che ‘quando la presunzione del danno sussiste sul se e non anche sul quanto serve comunque la prova ai fini della liquidazione del danno per equivalente pecuniario’.

27/2/2018 – Lavori gravosi ed usuranti: nuovo elenco in vigore

SeacInfo Amministrazione del personale
Lavori gravosi ed usuranti: nuovo elenco in vigore
Con il decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali del 5 febbraio 2018, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 47 del 26 febbraio 2018 vengono aumentate da 11 a 15 le categorie di lavoro usurante, con l’estensione del beneficio pensionistico a circa 50.000 lavoratori che potranno andare in pensione senza sottostare al previsto adeguamento alla speranza di vita.