12/9/2019 – Provvedimenti disciplinari reiterati: non sempre intento persecutorio

SeacInfo Amministrazione del personale
Provvedimenti disciplinari reiterati: non sempre intento persecutorio
La Corte di Cassazione, con l’Ordinanza n. 22288 del 5 settembre 2019, ha statuito che non in tutte le ipotesi di reiterati provvedimenti disciplinari (e non) adottati nei confronti di un lavoratore si configuri l’intento persecutorio, ingiurioso od offensivo.I giudici hanno precisato che ciò vale anche qualora i suddetti provvedimenti siano successivamente giudicati illegittimi in sede giudiziale. Escluso il mobbing nei confronti del dipendente di banca che aveva rassegnato le dimissioni per giusta causa.

Articoli Correlati